Un grande show, con moltissimi appassionati accorsi a Verona, ha contraddistinto il primo evento targato Lotus Cup Italia del 2015. Nella due giorni di Motorcircus le Lotus Elise Cup PB-R sviluppate e realizzate da PB Racing ed Hexathron Racing Systems hanno dato spettacolo, con otto piloti a darsi battaglia sul circuito ricavato all’esterno dei padiglioni fieristici. A prevalere, dopo sei manche giocate sul filo del centesimo, è stato il bergamasco Andrea Agazzi, bravo a disputare tutte le prove sempre con ottimi tempi (le Lotus Elise Cup si sono dimostrate più veloci di vetture S2000 e R5 da rally) e senza sbavature, battendo in una tiratissima finale un pur ottimo Mauro Guastamacchia: il pilota dell’Aggressive Team Italia ha vissuto un weekend da protagonista dopo una piccola toccata nella prima manche di sabato, candidandosi subito ad un posto sul podio. Terzo il giovane Eugenio Pisani, al debutto sulla supercar inglese curata dalla Siliprandi Racing, che è riuscito a prevalere su Simone Marchetti. Al quinto posto si è classificato lo svizzero Marco Fiore davanti a Piero Nichetti, Marco Fumagalli e Alberto Grisi, quest’ultimo bersagliato dalla sfortuna nell’intero weekend e costretto al ritiro in semifinale a causa di una foratura.

Nello stand PB Racing – Lotus Cup Italia, gli appassionati hanno potuto ammirare una Lotus Elise Cup PB-R “nuda”, ovvero senza cofano anteriore e posteriore così da mettere in bella vista tutti i lavori di sviluppo fatti per rendere questa vettura una delle più apprezzate del 2014, con Stefano d’Aste e Marco Calovolo a disposizione del pubblico.

Lo stesso pilota genovese, insieme all’ingegnere di Hexathron Racing Systems hanno poi presentato sul palco di Motorcircus la stagione 2015 della Lotus Cup Italia. Tante le novità annunciate, in primis quella di avere una griglia esclusiva (quindi non più in condivisione con la Coppa Italia) all’interno dei weekend motoristici organizzati dal Gruppo Peroni Race; il calendario si preannuncia decisamente variegato, con l’inizio fissato per il 25-26 Aprile a Varano De’ Melegari, a cui farà seguito Adria (09-10 Maggio), Monza (04-05 Luglio), Misano Adriatico (18-19 Luglio), Mugello (05-06 Settembre) prima della chiusura a Imola, fissata per il 10-11 Ottobre; non si esclude però una settima gara (collocata eventualmente nel mese di Giugno), al momento al vaglio degli organizzatori. Per quanto concerne il format, saranno due i turni di prove libere da 25’ mentre le qualifiche saranno anch’esse divise in due sessioni consecutive da 17’ l’una, la prima valida per la Griglia di Gara 1, la seconda per la Griglia di Gara 2; entrambe le gare invece sono state portate ad una durata di 25’ e godranno della diretta streaming live con commento dedicato, immagini onboard e altro ancora, come i servizi all’interno della trasmissione televisiva “Paddock” curata da Franco Bobbiese. Confermato anche l’ampio sharing mediatico sui social networks (Facebook, Twitter, Google+ e YouTube), grazie anche alla collaborazione con Lotus Cars ed Hexathron Racing Systems. Dal punto di vista tecnico, novità per l’impianto frenante (le cui pastiglie freno saranno ora della giapponese Winmax), nuovo collettore di scarico accoppiato ad un secondo intercooler (in aggiunta a quello già esistente) per migliorare il raffreddamento globale, ed infine coppia conica più lunga per risolvere i problemi legati alla rapportatura troppo corta evidenziata sui circuiti veloci nel 2014.